Quando chiamare

Bisogna chiarire innanzitutto che chi si rivolge ad uno psicoterapeuta non è necessariamente “anormale”, “disturbato” o”matto”, anzi il voler mettersi in discussione e voler migliorare se stessi è un sintomo di “salute mentale”.

 

Dallo  psicoterapeuta può andare chiunque abbia problemi o semplicemente senta la necessità di chiarire se stesso e le proprie idee in determinati momenti della vita poiché è stato dimostrato che noi non conosciamo completamente noi stessi.

Lo psicoterapeuta non giudica ma cerca di comprendere  e non si meraviglia di fronte a nessun problema perché sa che situazioni difficili, ansie, pensieri e paure a volte assurde fanno parte della vita di tutti.

 

Essendo vincolato al segreto professionale, non può riferire a nessuno, nemmeno ai familiari del paziente, quello che gli viene comunicato durante la seduta.

A differenza dell’amico sa dare un consiglio più obiettivo e utile perché conosce i sistemi per controllare le situazioni problematiche e per analizzarle.

 

L’amico, spesso in buona fede dà il consiglio  che a lui può sembrare giusto ma che non sempre si adatta o centra il reale problema del paziente e le migliori strategie per risolverlo.

Lo psicoterapeuta invece, analizzando il problema, trasmette al paziente la metodologia per affrontarlo e superarlo.

E’ il paziente che prende la decisione quando, con l’aiuto dello psicoterapeuta, ha compreso le sue problematiche.

Centro Diagnostico Jacaroni via Primo Maggio 60 / Via A. Garofoli 15

cell. 338 747 2289

smarsiliani@gmail.com

Bisogna chiarire innanzitutto che chi si rivolge ad uno psicoterapeuta non è necessariamente “anormale”, “disturbato” o”matto”, anzi il voler mettersi in discussione e voler migliorare se stessi è un sintomo di “salute mentale”.

 

Dallo  psicoterapeuta può andare chiunque abbia problemi o semplicemente senta la necessità di chiarire se stesso e le proprie idee in determinati momenti della vita poiché è stato dimostrato che noi non conosciamo completamente noi stessi.

Lo psicoterapeuta non giudica ma cerca di comprendere  e non si meraviglia di fronte a nessun problema perché sa che situazioni difficili, ansie, pensieri e paure a volte assurde fanno parte della vita di tutti.

 

Essendo vincolato al segreto professionale, non può riferire a nessuno, nemmeno ai familiari del paziente, quello che gli viene comunicato durante la seduta.

A differenza dell’amico sa dare un consiglio più obiettivo e utile perché conosce i sistemi per controllare le situazioni problematiche e per analizzarle.

 

L’amico, spesso in buona fede dà il consiglio  che a lui può sembrare giusto ma che non sempre si adatta o centra il reale problema del paziente e le migliori strategie per risolverlo.

Lo psicoterapeuta invece, analizzando il problema, trasmette al paziente la metodologia per affrontarlo e superarlo.

E’ il paziente che prende la decisione quando, con l’aiuto dello psicoterapeuta, ha compreso le sue problematiche.

Silvia Marsiliani

PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA

Centro Diagnostico Jacaroni

via Primo Maggio 60 / Via A. Garofoli 15

cell. 338 747 2289

smarsiliani@gmail.com